Cambiare le narrazioni intorno a gravidanza e maternità

light-3121618_960_720
Ascoltando da tempo le problematiche di diverse donne relative al desiderio di avere un bambino e alla difficoltà di riuscirci ci sono due questioni che mi paiono ricorrenti, e che vanno ad aggiungersi alla sofferenza di questo percorso ad ostacoli: si tratta della solitudine e il “senso di colpa”, o meglio, la  sensazione di essere difettose, avere qualcosa che non funziona, essere in qualche modo responsabili della mancata gravidanza o di una gravidanza non portata a termine o portata a termine in maniera molto diversa da quello che ci si era immaginate. Queste sensazioni vanno ad appesantire una situazione già di per sé complicata e difficile, caricandola di ulteriore giudizio su die senso di solitudine.
.
Quello che penso è che ciò dipenda dal fatto che cè una narrazione legata al tema della gravidanza e della maternità piuttosto falsa: ci raccontano che non cè nulla di più naturale per una donna che restare incinta e fare figli, così naturale da dare per scontato spesso che sia imprescindibile per la propria realizzazione personale, ma non solo: tutte quelle che non ci riescono vedendo introno a sé pancioni e famiglie piene di figli pensano spesso che le uniche a non “essere in grado” siano loro.
.
Difficilmente però sappiamo il vissuto che cè stato dietro a quelle pance che vediamo, dietro ai figli delle altre: molto spesso anche lì cè stata sofferenza, tentativi, dolori solitari, solitudine, dimensioni che non trovano spazio per la narrazione. Si narra solo ciò che va bene, contribuendo a costruire un’idea di fecondazione, gravidanza e maternità edulcorata e non aderente alla realtà.
.
Una narrazione diversa su questo tema delicato potrebbe aiutare a sentirsi meno sole, meno strane, meno sbagliate. L’idea è raccogliere in un libro storie di donne che hanno vissuto o stanno vivendo questo percorso sofferto, per raccontare e condividere e portare in luce l’altro lato della medaglia che è sempre in ombra e che invece dovrebbe emergere essere raccontato se vogliamo dare (e avere)  una visione completa di cosa si parla quando si parla di gravidanza e maternità
.
Cosa pensate di questo progetto? Credete potrebbe essere utile? E se sì, vorreste partecipare condividendo un’esperienza ( che potrà essere poi narrata in forma anonima) o facendo arrivare l’idea di questo progetto a conoscenza di qualcuna che conoscete?
.
Il filo rosso del tutto è la parola “delicatezza”, a partire dalla raccolta delle esperienze. Mi è molto chiara la difficoltà di rendere pubblico, seppur in forma anonima, questo vissuto. E il fatto di essere così restie a parlarne credo sia indice di quanto bisogno ci sarebbe di parlarne con le parole giuste.
.
Delicatezza significa anche la possibilità di avvicinarsi reciprocamente a piccoli passi, prendendosi tutto il tempo di scoprire se questo progetto fa al caso vostro. E significa anche poterci ripensare, se non ci si sente a proprio agio, se dopo qualche chiacchierata conoscitiva si pensa che non sia il momento.
.
Questa l’idea. Per tutte le ulteriori informazioni potete scrivere a mmemmeemmemm@gmail.com.
.
Grazie a tutte.
Annunci

All’improvviso

Camminare sovrappensiero per una strada della città e all’improvviso trovarsi davanti un banchetto di Forza Nuova circondato da forze dell’ordine e camionette.

Mi è successo quello che è successo all’ Italia: tutti a pensare ad altro e all’improvviso ecco i fascisti.