Vi riportiamo in manifestazione!

manifestazione1

Fonte foto qui

Non siete stat* a Roma in occasione della manifestazione 25 Novembre?

Volte sapere le ragioni che hanno portato per le strade più di 150.000 uomini e donne?

Avete storto il naso davanti alla notizia degli uomini allontanati dalla testa del corteo?

Oppure anche voi eravate a Roma e volete rivivere l’energia e la potenza di quella giornata?

Allora questa puntata è per voi: mezz’ora di energia, parole dalla piazza e – come sempre – i nostri commenti a riguardo.

Buon ascolto! Aspettiamo anche i vostri commenti, che ci siate stat* o no 🙂

 

Annunci

Mansplaining on air!

mansplaining1Ed ecco qui il podcast della puntata in cui abbiamo parlato di mansplaining. E non essendo tuttologhe e volendo evitare di fare mansplaining a nostra volta, abbiamo approfondito l’argomento con Graziella Priulla, sociologa della comunicazione.

La puntata è ricca e movimentata (anche grazie ai contributi musicali!), ci ha dato l’opportunità di riflettere, ragionare e coniare nuovi termini, come “danceplainig” 🙂

Non sapete cosa significhi? Scopritelo ascoltando la puntata qui.

Come sempre, benvenuti tutti i vostri commenti a riguardo.

 

Le volte in cui avete subito mansplaining

mansplaining1

Nella prossima puntata di Frequenze Sui Generis parleremo di mansplaining e lo faremo – as usual –  a partire dai contributi di chi vorrà partecipare.

Volete contribuire?  Raccontateci i momenti in cui avete subito mansplaining: potete scrivere un commento al post o inviarci un messaggio privato. Oppure, se volete far sentire la vostra voce in radio, inviateci un audio su facebook alla pagina di Frequenze sui Generis!

Non c’è moltissimo tempo: avete tempo fino a stasera alle 20 . Il preavviso è poco, lo so, ma l’argomento è pregnante e i vostri contributi graditissimi!

Vi aspettiamo!

Tanta paura di Minnie

MinnieUna settimana fa una mia amica mi racconta di essere stata redarguita all’asilo nido per aver messo un vestito “femminile” a suo figlio di 10 mesi. Il capo incriminato altro non era che una salopette di jeans con ricamata Minnie. Non una Minnie piena di paillette e fiocchi rossa, una Minnie sobria sobria, talmente sobria da sembrare Topolino.

Il fatto che per un’educatrice di un nido di una città del nord Italia questo e altri comportamenti (calzini antiscivolo rosa della sorella maggiore, che orrore!) fossero problematici ci è sembrato un ottimo spunto per interrogarci e ragionare insieme sul perché ci sia questa paura terribile rispetto ai bambini vestiti con abiti “femminili” (tra virgolette non a caso, visto che ognuno ha il suo concetto di “abito femminile”, che varia da persona a persona e anche a seconda dello spazio e del tempo).

Ne è uscita una bella chiacchierata insieme a Giacomo dell’Associazione Maschile Plurale e alcune riflessioni tra noi in studio.

Le nostre potete sentirle qui, il piacere sarà grande se vorrete aggiungere le vostre.

Femminismo on air again!

53320wideDopo un’assenza durata un anno si torna a parlare di femminismo in radio.

La radio è Radio Città Fujiko e la trasmissione è Frequenze Sui Generis. La prima puntata ha visto i contributi di persone comuni alla domanda “Se vi dico femminismo cosa ti viene in mente?”: decisamente interessanti la molteplicità di risposte che potete ascoltare nel podcast qui.

È una trasmissione di approfondimento a cui è possibile (anzi, consigliatissimo!) contribuire con domande, proposte di temi, segnalazioni di eventi.

Stay tuned!

Anche questa è violenza

fiore-strappato-458x278Qualche giorno fa sono andata ad una visita senologica, inserita in un progetto di prevenzione gratuito.

Mi accoglie un dottore attempato, con un modo di fare che comunicava fin da subito una certa sicurezza di sé al limite dell’arroganza.

Iniziamo la mia anamnesi con le domande di routine. Arrivata a quella sul ciclo rispondo di avere un ciclo irregolare e tendenzialmente doloroso. L’uomo mi guarda un po’ di traverso e mi chiede “E la pillola, no? Non abbiamo pensato di prenderla?” con un tono giudicante e quasi canzonatorio, il tono di chi nel farti la domanda ti sta dicendo che quella sarebbe anche la risposta giusta.

Gli dico che non ho intenzione di prenderla a causa degli effetti collaterali e lui alza il sopracciglio, quasi in tono di sfida, chiedendomi “E quali sarebbero questi effetti collaterali?”

La sensazione è di essere ad un esame, anzi peggio: ad un interrogatorio in cui l’interrogante dubita chiaramente della tua versione dei fatti. Eppure è tutto vero, ricordo bene tutti i fastidi, ma in quel momento rispondo con un generico “problemi cardiocircolatori” a cui lui ribatte “Ma di quali problemi cardiocircolatori sta parlando?” quasi deridendo la mia risposta. So bene che esiste un termine medico specifico che avrei dovuto usare, ma la situazione grottesca in cui mi ritrovo, ovvero avere di fronte a me un medico che invece di consigliarmi si pone come se sapesse meglio di me le mie sensazioni e i problemi avuti, mi confonde i pensieri.

Mi riprendo dalla confusione temporanea e ribatto “Insomma, magari non è quello il nome esatto del problema, ma lo sa anche lei che ci sono delle controindicazioni!”. Mi risponde nominando i trombi e a quello io aggiungo i problemi di gonfiore in generale: la cellulite che mi è venuta dall’assunzione della prima pillola non sono mai più riuscita a mandarla via del tutto.

E qui arriva il bello. Un magnifico momento di mensplaining e bodyshaming concentrato in un piccolo ambulatorio per visite atte al benessere delle donne.

“Vede signora, il fatto è che tutte queste donne che lamentano di essere ingrassate bisogna poi vedere cosa fanno. La questione è chiara, ormai ci troviamo nella parabola discendente della nostra vita e ciò che la natura fa è deteriorarci, portarci alla morte. Allora la scienza combatte questa tendenza con la medicina e bisogna combatterla anche con un buono stile di vita, bisogna tenersi in forma. Perché tutti volete la pillolina magica che vi risolva il problema e non volete fare fatica, ma non è così che funziona, glielo dico io!”

Allibita da questa conversazione e pensando al fatto che questo qui fra pochi minuti dovrà sprimacciarmi le tette, lo guardo negli occhi e dico: “No, non sono d’accordo con quello che sta dicendo, non credo che la gente voglia la pillola magica. La gente in questi casi vuole più che altro essere ascoltata”.

“Lei parli per sé” mi risponde “Come ben immagina io di donne ne vedo tante e di tutte quelle che vedo posso dirle che di veramente in forma ce ne sono proprio poche! Allora una si lamenta che la pillola fa ingrassare: ma non è la pillola che fa ingrassare, fa ingrassare se una mangia troppo!”

E io, mentre ascoltavo quest’uomo spiegarmi gli effetti che non avrei dovuto avere rispetto ad un farmaco che lui non avrebbe mai preso nella sua vita e di cui non avrebbe mai e poi mai potuto sperimentare gli effetti sul proprio corpo,  mi immaginavo tutte le donne che andavano in visita da lui, pensando di trovarsi di fronte ad una persona competente e professionale e senza sapere invece di essere automaticamente inserite in una classifica di donne più o meno “in forma”. E pensavo anche al fatto che ho sempre l’impressione di vedere così tante donne belle intorno a me, e mi chiedevo quale fosse il suo metro di giudizio, certo diverso dal mio.

“Con la pillola il mio colesterolo era schizzato alle stelle” ribatto e lui taglia corto “Sì sì ma lì bisogna vedere caso per caso”.

“E mi dica” riprendo “come mai la pillola prevede queste finte mestruazioni? Che bisogno c’è di averle se non c’è ovulazione?”. E arriva un’altra risposta che di nuovo dipinge tutte noi donne come delle totali imbecilli “Beh siete voi che le volete, sennò non vi sentite normali, sa quante si lamentano se non vedono il sangue tutti i mesi?”.

“Beh adesso è lei che deve parlare per sé” dico, perché no, non lo so in quante si lamentino senza sangue, ma so invece molto bene quante siano quelle che si lamentano per quel sangue mensile completamente inutile quando assumono anticoncezionali.

Procediamo con la visita. Mi dice di togliere maglia e reggiseno e a differenza degli altri controlli fatti in quello stesso ambulatorio con altri medici, sorvola sulla parte “può spogliarsi dietro quella tenda”. Sarò particolarmente sensibile io, ma questa omissione la noto, eccome. È da quando sono entrata che mi sento chiaramente inserita all’interno di una relazione di potere: lui è il medico che sa quello che mi succede e lo sa addirittura meglio di me, nonostante le cose le abbia vissute io, le abbia vissute il mio corpo e abbia condiviso i racconti dei corpi di tutte le altre donne con cui tanto spesso ho parlato.

Mi chiedo se ad un uomo possa mai capitare una situazione simile, mi chiedo se un uomo possa comprendere la fatica e la pesantezza di questa visita medica, di cosa parliamo quando parliamo di violenza insita in ogni relazione di potere, perché io è così che l’ho vissuta. L’ultima cosa che avrei voluto era farmi toccare le tette da lui. Ma cosa avrei dovuto fare? Concludere così una visita che stavo aspettando da tempo? Rivestirmi e dire grazie arrivederci? Uscire e andare dalla segretaria e spiegare l’accaduto? Buttare discredito su quella persona, la mia parola contro la sua? Solita storia: io ho travisato, io sono eccessiva, diamine che caratterino! e poi che pretendo da una visita offerta gratuitamente? Anche di scegliere io il medico?

Forse avrei dovuto fare tutto questo, ora seduta al mio computer lo penso. In quel momento l’unico pensiero era sperare che dietro ad un medico con un modo di fare di merda si potesse celare un professionista decente che smanazzando le mie tette sapesse cosa stava facendo. Prendere il risultato dell’ecografia e venirmene via.

È difficile decodificare una situazione spiacevole mentre la si sta vivendo e sono tante le ragioni che possono impedirci di uscirne. Quello che ho appena raccontato è un caso minimo tutto sommato, che forse qualcuno non classificherebbe nemmeno come violenza, ma una volta una donna a me molto cara mi disse una frase molto vera: la violenza viene spesso vissuta e subita senza necessariamente essere riconosciuta. 

 

 

 

Il senso di questo #MeToo

20171016_185408381073374.png

#MeToo, anche se mi chiedo chi è che si presuppone debba vedere la reale dimensione di questo fenomeno: chi è che non ne conosce l’estensione?

Le donne sanno perfettamente che tutte nella propria vita hanno subito una qualche molestia. Magari non hanno voglia di raccontarlo su fb mettendosi addosso un #, oppure le hanno subite senza riuscire a dar loro il nome corretto, senza riconoscerle come tali. Ma devo ancora conoscerne una che non ci sia passata.

Quindi questo hashtag è per rendere consapevoli gli uomini? Di certo non gli stessi che di quelle molestie sono autori: non ci fossero loro ad agirle non ci sarebbe bisogno di un #MeToo. Conoscono bene il fenomeno, essendone la causa.

Non rimanete che voi, uomini che siete amici, solidali e che non vi nascondete dietro un “Io non lo farei mai”. Che magari ci avete pure prese un po’ in giro per questa nostra fissa del femminismo, ché voi non lo fareste mai però ci etichettate come arrabbiate di default e in fondo ci reputate esagerate.

Chissà che questo #MeToo non possa servire a farvi capire la nostra fatica e, invece di meravigliarvi per la nostra rabbia, a farvi meravigliare per la nostra gioia, capace di esistere nonostante tutta questa merda.

Non sei realistica!

 

Manal Al-Sharif

Manal Al-Sharif – attivista, promotrice dal 2011 della campagna sul diritto alla guida delle donne saudite

Non ho esultato alla notizia della concessione in Arabia Saudita della possibilità di guidare alle donne. Non ho esultato perché per me “la concessione di guidare” e “la libertà di guidare” sono concetti molti diversi. Non ho esultato perché questa concessione ha l’aria di una elemosina, sono briciole cadute da un tavolo che ci si aspetta che il mondo accolga con entusiasmo. Come facciamo a chiamarlo progresso, come possiamo scomodare la parola “libertà” nei confronti di una concessione basata sul rispetto di queste regole?

“che la donna abbia raggiunto l’età di 30 anni, che il tutore (padre, marito, fratello, figlio, zio…) dia il proprio assenso scritto, che la donna al volante sia vestita in “modo adeguato” e che non usi in nessun modo make up o trucco o abbia accessori di bellezza. Che la guida della donna sia limitata solo nei centri urbani dalle ore 7 alle ore 20 da sabato a mercoledì e dalle 12 alle 20, il giovedì e il venerdì. Infine dovrà essere sempre munita dal proprio cellulare collegato con il Centro Femminile del Traffico Stradale”.

Come facciamo a credere che questa decisione sia una risposta sincera all’attivismo che da molti anni vede donne al volante che sfidano le regole e ne pagano le conseguenze, quando leggiamo che:

“molte donne coinvolte nella campagna per la guida hanno ricevuto chiamate ufficiali dal governo, in cui si chiede loro di non commentare ne’ negativamente ne’ positivamente l’annuncio. Se ignorano l’ordine, saranno soggette a interrogatorio”.

Oggi in un post su fb in cui veniva puntato il dito contro questa finta libertà un commentatore diceva di essere realistiche, mica potevamo aspettarci un cambio di rotta a 180°!

Ma il fatto è che qui di gradi non ce n’è nemmeno uno. E irrealistico è pensare che questo sia un vero segnale di progresso per le donne, un sintomo di una effettiva apertura verso di loro. Questa non è altro che un’appropriazione indebita delle lotte femministe usata per uno smaccato pinkwashing di Stato agli occhi dell’occidente. Un bel lavaggio di immagine colorato di rosa che a quanto pare sta riuscendo benissimo.

Essere persone

“Chi è questa gente?” chiedo.

“Il club è solo per gli ufficiali di tutti i settori e per gli alti funzinari. Anche per le delegazioni commerciali, naturalmente. Il commercio ne è favorito, qui si incontra moltissima gente. Non si può, in pratica, avere rapporti di affari senza il club. Cerchiamo di offrire lo stesso livello di scambio che si ottiene altrove. Si discute, si ascolta, si hanno informazioni. Spesso un uomo dice a una donna quello che a un altro uomo non direbbe mai”:

“Ma io volevo sapere chi sono le donne”.

Margaret Atwood
“Il racconto dell’ancella”

Siete per sempre coinvolti

best-cool-good-happy-Favim.com-4636345

È di oggi la notizia che Forza Italia e il Family Day starebbero schedando le scuole di Bologna che propongo corsi su violenza e bullismo. Ad ogni scuola il suo bollino, come per i programmi televisivi dopo le 20:  “rosso se le attività sono «filo-gender», giallo se ci sono solo «tracce gender» e verde se non si riscontra nulla”.

Perfetto.

Al prossimo femminicidio sapremo già dove andare a cercare i responsabili. Perché nei femminicidi c’è sì un colpevole: l’esecutore, il carnefice. Ma i responsabili sono molti di più, tutti quelli che impediscono il diffondersi di una cultura in cui l’uomo e la donna abbiano uguali diritti e siano ritenuti meritevoli della stessa libertà di decisione sulla propria vita.

.
Andateci a fare un giro nelle scuole, troverete delle sorprese inaspettate: bambine di 8 anni che amano la geografia ma ti dicono che faranno l’estetista perché non sapevano che anche le donne potessero lavorare nelle agenzie di viaggi, ragazzi di 17 anni per cui la donna ideale non dovrà lavorare per stare a casa coi figli, bambini di 12 anni secondo cui una donna non può guidare un camion, ragazzine di 16 che non hanno potuto fare basket perché il padre diceva che è uno sport da maschi, o che ritengono normale che il proprio fidanzatino abbia la loro password di facebook, o di non poter più frequentare le amiche e gli amici senza il suo consenso.

.
Come dite? Voi queste cose non le avete mai viste? Ovvio, servono delle lenti speciali per indagarle, per vederle. Le lenti del genere, quella parola che ci indica come la maschilità e la femminilità siano costruzioni sociali, tutt’altro che naturali. Perché la natura ha dato a tutti – maschi e femmine – il pollice opponibile per guidare camion, giocare a basket e fare tutto quello che ci appassiona. Il fatto che si pensi che certe cose alle donne siano vietate o non si addicano è solo una questione di cultura.

.
Quella cultura che a molti premono mantenere, a tutti coloro che fingono di indignarsi per la morte delle donne a opera dei loro ex, ma a cui fa molto, molto comodo che le cose restino esattamente così come stanno.