Sessismo travestito da galanteria

Pochi giorni fa mi trovavo in un grazioso paesino della lucania in compagnia di alcune amiche, di cui una originaria del luogo. Dopo aver visitato l’antica abbazia ed esserci perse tra vicoli e piazzette, dopo aver ammirato tramonti e conosciuto storie di singolari personaggi del paese, ci siamo sedute ad un tavolino di un bar per bere una birra e riposare le stanche membra. Il bar si affacciava su una delle piazze e nel momento in cui ci siamo sedute le campane della chiesa adiacente hanno iniziato a suonare annunciando l’uscita della statua di San Rocco, patrono del luogo, che accompagnato da una breve processione avrebbe raggiunto un’ altra chiesa, usanza tipica della festa patronale.

Come avviene in molti paesini del sud Italia, le processioni sono accompagnate dalla banda del paese, colonna sonora costante di questi eventi sentiti e partecipati.

La nostra cicerone ci fa notare che la banda è solamente maschile e le dico che la cosa mi sorprende molto, poiché le bande viste e ascoltate nella mia infanzia in altri paesini del sud erano composte sempre da maschi e femmine.

“Questa sorta di esclusione è in realtà un atto di gentilezza nei confronti delle donne: spesso la banda si trova a suonare in luoghi scomodi, facendo tour molto stancanti e finendo le esibizioni ad orari improponibili. Non permettendo alle donne di partecipare le si tiene al riparo da tutte queste scomodità”.

Nella famosa fiaba “I vestiti nuovi dell’ imperatore” il re era nudo, sotto gli occhi di tutti, ma anche se evidente, la nudità veniva riconosciuta solo una volta nominata, resa visibile solo grazie a un bambino il cui sguardo non era ancora stato distorto dalla consuetudine.

Spessissimo le discriminazioni di genere si sono travestite e tuttora si travestono da atti di gentilezza e protezione. Si camuffano talmente bene da risultare credibili, anche agli occhi di donne indipendenti, viaggiatrici avventurose da zaino in spalla come l’amica di cui sopra, a cui le opzioni “fatica e scomodità” di certo non hanno mai impedito di esplorare il mondo.

Atti di cortesia che decidono al posto delle donne senza possibilità di appello vanno chiamati per quello che sono: discriminazioni.

Ci sono ancora molti re nudi che dobbiamo imparare a riconoscere come tali.

Più semplice di così

books-1655783_960_720

In biblioteca.

Sono al banco in attesa che registrino i libri che ho preso. Nel frattempo una bibliotecaria parla col ragazzo del servizio civile: stanno cercando il cognome di un bambino da contattare, ma viene loro in mente solo nome e cognome della madre.

“Ovvio” dice il ragazzo “i bambini vengono sempre in biblioteca con le madri, i padri non si vedono mai. Poi per forza non ci ricordiamo i loro cognomi”.

Aggiunge la bibliotecaria “Anche perché poi le maggiori lettrici sono le donne! Gli uomini leggono meno”.

Dico io “Beh, allora mi sa che dovrete organizzare delle attività di promozione della lettura anche per gli uomini, in aggiunta a quelle per bambini e bambine”.

Il ragazzo mi guarda e scuote la testa. “La vedo molto più semplice. Basterebbe dare ai bambini i cognomi delle madri”.

L’infinita naturalezza della risposta mi disarma. Ma in effetti, più semplice di così…